PubblicitàPetShopStore 2023 Promo
7.4 C
Ancona
11 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
HomeAbruzzoIl Consiglio comunale di Pescara se ne frega degli attacchi omofobi. La...

Il Consiglio comunale di Pescara se ne frega degli attacchi omofobi. La maggioranza fasciosovranista boccia l’ordine del giorno contro l’omofobia

GAIAITALIA.COM CENTROITALIA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione #Pescara twitter@perugianewsgaia #Omofobia

Il Consiglio comunale di Pescara se ne strafrega degli attacchi omofobi, perché per i fasciosvranisti al potere il pestaggio di un 25enne omosessuale è cosa insignifcante essendo egli diverso e quindi in qualche modo meritevole di essere pestato da un gruppo di giovanissimi del luogo, quasi tutti sotto i vent’anni con una ragazza al centro del branco.

La giunta  neofascista e sovranista ha così bocciato un ordine del giorno contro l’omofobia presentato dopo l’aggressione, avvenuta nella notte tra giovedì e venerdì; l’ordine del giorno era stato presentato dal consigliere Giovanni Di Iacovo (Pescara Città Aperta) e sostenuto dal centrosinistra, ed ha ottenuto il voto contrario di tutto il centrodestra che risulta sempre più composto da reazionari incendiari che sembrano avere in odio l’allargamento dei diritti e la convivenza armoniosa.

La mozione, scrive l’agenzia ANSA, invitava il sindaco e la Giunta a “dichiarare che Pescara è una città che non discrimina e che ama e rispetta i suoi cittadini omosessuali e transessuali che sostanzierà questa sua dichiarazione attraverso quattro punti: impegnarsi per accelerare l’approvazione di una legge contro l’omotransbifobia; costituire il Comune di Pescara parte civile contro le aggressioni omofobe; aderire alla rete degli enti locali contro le discriminazioni; individuare una figura nell’amministrazione che funga da interlocutore per le associazioni del Pride”.

E il neofascismo sovranista si è ben guardato dall’approvare una simile lezione di civiltà.

 

(1 luglio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata