Un cittadino di Senigallia: “La situazione è molto peggio di come viene raccontata”….

Altre Notizie

Share

di I.G.

La situazione è molto peggiore di come viene raccontata. Questa volta, rischia di saltare anche il comparto economico – produttivo della nostra città. L’alluvione è stata totalmente diversa da quella del 2014. La volta precedente, si ruppe un argine in prossimità della località Vallone e la massa d’acqua prese la via più diretta per giungere al mare. In mezzo il quartiere “piano regolatore” un quartiere totalmente residenziale con casette a 2 piani e con l’acqua che ristagnò per alcuni giorni, facendo danni per lo più a garage, sotterranei e primi piani. Lasciando pressoché all’asciutto tutto il centro e le zone commerciali. Questa volta, gli argini hanno retto, ma ha tracimato il fiume nella sua interezza. Risultato: buona parte del centro e tutto il quartiere porto sommerso. Con molte vie sotto 2 è più metri di acqua. Inoltre, tutta una zona che storicamente non è mai alluvionata è stata sommersa da oltre 2mt di melma. Zone commerciali e residenziali, attorno all’ospedale e nella via Carducci, zona di locali, ristoranti, caffè. Ci sono centinaia di senza casa… inoltre, sono state sommerse centinaia di piccole aziende, laboratori, attività nella valle e nel nuovo insediamento produttivo fra Casine di Ostra e Trecastelli, dove le aziende più grandi trovavano posto. Anche in zona Cesano, molte attività produttive sono andate sommerse…
Nelle due foto una è l’auto della moglie di un mio amico, titolare dell’azienda che si vede dietro il cancello. Era parcheggiata nel cortile. L’altra l’entità dell’alluvione da metà valle fino al mare…

 

©gaiaitalia.com 2022 | per gentile concessione | testimonianza raccolta da Isabella Grassi

 

 

(18 settembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: