PubblicitàPetShopStore 2023 Promo
7.4 C
Ancona
11 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaRicci ricevuto dal Papa: “Grazie, non ha mai smesso di far sentire...

Ricci ricevuto dal Papa: “Grazie, non ha mai smesso di far sentire il suo affetto alla famiglia Ferri” 

GAIAITALIA.COM CENTROITALIA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Pesaro

Durante l’incontro il sindaco ha ringraziato il Pontefice per la vicinanza alla famiglia di Andrea Ferri, ucciso il 4 giugno 2013. Poi l’omaggio di Pesaro al Santo Padre: “Una statua di Rossini, simbolo della Città della Musica UNESCO” .

“L’incontro con il Santo Padre è stato un emozionante momento di confronto e di riflessione sui temi del sociale, dell’emergenza sanitaria, del lavoro e della politica come dialogo tra culture”.  Questa mattina il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, insieme alla delegazione Anci composta da oltre 120 primi cittadini italiani, ha incontrato Papa Francesco. “Un grandissimo onore ascoltare il Santo Padre, punto di riferimento della nostra società. Le sue parole sono state di conforto e speranza. Toccante il passaggio sulla solitudine degli amministratori, che mai come in questo periodo si sono trovati ad arginare le nuove emergenze socio-sanitarie causate dalla pandemia. Significativo l’invito all’ascolto ai cittadini. Stimolante l’esortazione a combattere il degrado con la bellezza e il disagio sociale con l’educazione”. L’udienza si è svolta questa mattina nella Sala Clementina in Vaticano. Il sindaco di Pesaro ha donato al Santo Padre una statuetta in ceramica di Rossini: “Un omaggio da parte della Città della Musica UNESCO ad un grande uomo, che non ha mai smesso di far sentire la sua vicinanza al nostro territorio”. Durante l’incontro il sindaco ha infatti ringraziato il Pontefice per la vicinanza alla famiglia di Andrea Ferri, ucciso il 4 giugno 2013: “L’ho ringraziato per tutto l’affetto dimostrato alla famiglia Ferri in questi anni”, ha concluso Ricci.

 

(5 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata